Seguici su

Notizie

18 Febbraio 2019

Donazione sangue – Domenica 24 febbraio ore 08.00 c/o parrocchia di S. Gaetano da Thiene

Domenica 24 febbraio ore 08.00 c/o la parrocchia di S. Gaetano da Thiene in via Reggio Calabria 3 sarà possibile effettuare la donazione del sangue dalle ore 08.00 alle ore 11.00 organizzata dal: Gruppo Donatori di Sangue Carla Sandri.

È obbligatorio presentarsi con un documento di identità valido e la tessera sanitaria Prima della donazione si può prendere un caffè, un tè, una tisana o un succo di frutta insieme a una o due fette biscottate evitando latte e derivati.

È anche consigliabile bere uno o due bicchieri d’acqua.

Chi può donare il sangue? Può donare il sangue chiunque abbia un’età compresa tra i 18 e i 65 anni (60 se è la prima donazione), un peso corporeo non inferiore ai 50 kg e sia in buono stato di salute.

Ultimi articoli

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

PARTITI I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE STRADALE A TOR SAN LORENZO E LIDO DEI PINI

Sono partiti i lavori di riqualificazione e rifacimento del manto stradale di importanti arterie come la porzione di lungomare che va da Tor San Lorenzo a Lido dei Pini (confine comunale) e di Via del Pettirosso e Viale Nuova California.

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

ARDEA-POMEZIA, NASCE IL CONSORZIO DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM 6.4

Parte la rivoluzione dei servizi socio-sanitari per i cittadini più fragili Nasce il Consorzio per la gestione degli interventi e dei servizi sociali del Distretto socio-sanitario RM 6.

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

CONTEST “MOBILITARTE, PASSEGGIANDO PER LE VIE DI ARDEA”

Per continuare a parlare del tema della mobilità, il comune di Ardea ha organizzato un contest dal titolo “MobilitArte” in cui giovani artisti si cimenteranno con la street-art dando vita a opere sul tema “Mobilità, passeggiando per le vie di Ardea”.

InformaComune 14 Ottobre 2021

CAREGIVER FAMILIARI. CREAZIONE DELL’ELENCO FORMALE

Con Deliberazione di Giunta Regionale n 341 del 08/06/2021 la Regione Lazio ha provveduto a riconoscere formalmente il ruolo e l’impegno di cura del “caregiver familiare” come componente informale ed essenziale del sistema dei servizi sociali, sociosanitari e sanitari in favore della persona con disabilità o non autosufficienza.

torna all'inizio del contenuto