Seguici su

InformaComune

24 Novembre 2021

MISURE DI SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI ORGANI COLLEGIALI

OGGETTO: MISURE DI SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI ORGANI COLLEGIALI – INTEGRAZIONE

DECRETO N. 1/2020.

RICHIAMATI:

il proprio decreto n. 1 del 25-11-2020 con il quale è stato disciplinato lo svolgimento del consiglio

comunale durante l’emergenza epidemiologica ai sensi dell’art. 73, comma 1, del Decreto-legge 17

marzo 2020, n. 18, «Misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno

economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da covid-19»,

ove si dispone che «Al fine di contrastare e contenere la diffusione del virus COVID-19 e fino alla

data di cessazione dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri il 31 gennaio 2020, i

consigli dei comuni, delle province e delle città metropolitane e le giunte comunali, che non abbiano

regolamentato modalità di svolgimento delle sedute in videoconferenza, possono riunirsi secondo

tali modalità, nel rispetto di criteri di trasparenza e tracciabilità previamente fissati dal presidente del

consiglio, ove previsto, o dal sindaco, purché siano individuati sistemi che consentano di identificare

con certezza i partecipanti, sia assicurata la regolarità dello svolgimento delle sedute e vengano

garantiti lo svolgimento delle funzioni di cui all’articolo 97 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n.

267, nonché adeguata pubblicità delle sedute, ove previsto, secondo le modalità individuate da

ciascun ente»;

il punto uno della Delibera del Consiglio dei Ministri 31 gennaio 2020, «Dichiarazione dello stato di

emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da

agenti virali trasmissibili», ove si stabilisce che «In considerazione di quanto esposto in premessa, ai

sensi e per gli effetti dell’articolo 7, comma 1, lettera c), e dell’articolo 24, comma 1, del decreto

legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, è dichiarato, per 6 mesi dalla data del presente provvedimento, lo

stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie

derivanti da agenti virali trasmissibili».

PRESO ATTO che con l’inizio della pandemia da Covid-19, nel 2020, nel nostro paese così come in molti

altri paesi del mondo, è stato disposto lo stato di emergenza, misura straordinaria, in vigore dal 31 gennaio

dell’anno scorso, che è stata prorogata più volte, e da ultimo fino al 31 dicembre 2021;

RITENUTO opportuno integrare il precedente decreto, prevedendo, in alternativa al consiglio da remoto,

anche la possibilità della presenza alla seduta, garantendo il pieno rispetto delle normative dettate

dall’esigenza pandemica;

Tutto ciò premesso

DISPONE

Di integrare il precedente decreto n. 1 del 25/11/2020 prevedendo lo svolgimento del Consiglio

comunale durante il periodo di emergenza, oltre che da remoto, anche in presenza con una delle

seguenti modalità:

1.

svolgimento presso la sala consiliare a porte chiuse (senza la presenza del pubblico) garantendo la

pubblicità mediante diretta streaming accessibile gratuitamente dal sito dell’ente;

svolgimento preso la sala consiliare consentendo l’accesso ad un numero massimo di 40 persone al

fine di garantire il distanziamento tra il pubblico seduto;

La presenza alla seduta dei consiglieri comunali, dei dipendenti dell’ufficio segreteria e del pubblico

è possibile con le seguenti prescrizioni:

2.

possesso di green pass;

controllo della temperatura;

igiene delle mani;

durante l’intera seduta è obbligatorio l’uso della mascherina;

le persone presenti devono occupare il proprio posto;

Le sedute del consiglio comunale sono sempre accessibili, a prescindere dalla modalità scelta, a

tutti coloro che vogliono seguire il consiglio comunale accedendo al link :

https://comune.ardea.rm.it/consigli/consiglicloud/ .

3.

  1. Tali disposizioni sono applicabili per tutto il periodo dello stato di emergenza.

La pubblicazione all’Albo Pretorio informatico dell’Ente e sul sito internet istituzionale del presente

atto.

5.

L’invio del presente atto al Segretario comunale, ai Dirigenti/Posizioni Organizzative, ai Consiglieri

Comunali e agli Assessori, nonché al comando della Polizia Locale ed alla Locale Stazione dei

Carabinieri.

6.

L’efficacia legale del presente atto decorre dalla sua sottoscrizione, mentre la pubblicazione e le

comunicazioni assolvono ad una funzione di trasparenza.

 

 

decreto pres. consiglio

Allegati

Ultimi articoli

InformaComune 23 Febbraio 2024

“Comuni in Rete” contro la violenza di genere: ad Ardea una tappa del progetto della Procura di Velletri

Nella giornata di giovedì scorso, nell’Aula Consiliare “Sandro Pertini” del Comune di Ardea, ha avuto luogo una tappa dell’iniziativa “Comuni in Rete”, promossa dalla Procura della Repubblica di Velletri per sensibilizzare la popolazione contro la violenza di genere.

Elettorale 20 Febbraio 2024

Elezioni Europee 2024, entro l’11 marzo i cittadini comunitari residenti ad Ardea possono presentare domanda per esercitare il diritto di voto

COMUNE DI ARDEA Caro elettore / Cara elettrice, in occasione delle prossime elezioni europee (6-9 giugno 2024), Lei, in qualità di cittadino/a dell’Unione europea qui residente, può, se vuole, esercitare in questo Comune il diritto di voto per i membri del Parlamento europeo spettanti all’ltalia, presentando apposita domanda.

torna all'inizio del contenuto