Seguici su

Notizie

16 Giugno 2018

Ardea, aperta la via sacra dei Romani

Archeologi per un giorno per studiare le origini di Roma. Questa è stata l’opportunità che il Comune di Ardea ha realizzato in “Come un archeologo”, un evento che oggi ha avuto la sua prima giornata e che la stessa amministrazione ha intenzione di riproporre per far visitare la via sacra del mito di Enea e degli antichi Rutuli, di quel popolo che, secondo la leggenda, fu all’origine del mito di Roma. L’iniziativa con l’inaugurazione della “Via Sacra dei Romani” è stata creata insieme all’Associazione di promozione turistica e culturale “La Costa di Enea”. La visita è stata inserita nel catalogo di viaggi nato grazie a un accordo della stessa associazione con il tour operator Estland.
L’itinerario tocca le aree archeologiche di Casarinaccio, Colle della Noce, Castrum Inui e dell’Oratorio cristiano ipogeo. “Visitare Ardea è importante per chi voglia conoscere le origini del mito di Roma – ha spiegato il sindaco Mario Savarese – Sono convinto che questo percorso possa affascinare i cultori dell’età classica, in un percorso raccontato da Virgilio nell’Eneide”.
“L’intento dell’amministrazione è quello di rendere fruibili tutte le aree archeologiche valorizzandole per il loro prestigio rimasto nascosto nei secoli – ha detto l’assessore ai Beni Culturali e Ambientali, Sonia Modica – Credo molto nel lavoro di squadra e credo che il Comune possa collaborare profondamente con la Soprintendenza e il tessuto del volontariato del territorio”.
“Ringrazio le attività imprenditoriali che hanno permesso di sistemare le aree in occasione dell’apertura – ha detto Anna Maria Tarantino, delegata del sindaco per le aree archeologiche – E’ stato un lavoro che ha visto tutti collaborare per migliorare gioielli straordinari”.
Ad animare la visita, l’attore Marco Di Stefano e la danzatrice Tanya Khabarova che hanno contribuito a una serie di iniziative teatrali e danzanti direttamente nelle aree. “E’ su eventi simili che l’amministrazione deve tendere per rendere questi luoghi vivi centri di espressione culturale”.
“Ho notato un grande entusiasmo tra la stampa e i tour operator – ha detto Manuela Troiani, presidente della Costa di Enea – Abbiamo dimostrato che anche questi territori possono essere alla base di un progetto di sviluppo turistico. Noi ci crediamo e continueremo a crederci. Castrum Inui è stato affascinante e una splendida sorpresa per tutti. Da luglio tutti i pacchetti turistici e le escursioni saranno operativi”.
Tra i presenti all’iniziativa anche il vicepresidente del Parlamento europeo, Fabio Massimo Castaldo. “Questo circuito può essere inserito all’interno di uno più vasto con i comuni limitrofi e con la Città metropolitana, per far riscoprire questi territori e che possa evitare quel turismo ‘delle cavallette’ che in 3 o 4 giorni porta i turisti a Venezia, Roma e Firenze”, ha detto.

Ultimi articoli

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

PARTITI I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE STRADALE A TOR SAN LORENZO E LIDO DEI PINI

Sono partiti i lavori di riqualificazione e rifacimento del manto stradale di importanti arterie come la porzione di lungomare che va da Tor San Lorenzo a Lido dei Pini (confine comunale) e di Via del Pettirosso e Viale Nuova California.

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

ARDEA-POMEZIA, NASCE IL CONSORZIO DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM 6.4

Parte la rivoluzione dei servizi socio-sanitari per i cittadini più fragili Nasce il Consorzio per la gestione degli interventi e dei servizi sociali del Distretto socio-sanitario RM 6.

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

CONTEST “MOBILITARTE, PASSEGGIANDO PER LE VIE DI ARDEA”

Per continuare a parlare del tema della mobilità, il comune di Ardea ha organizzato un contest dal titolo “MobilitArte” in cui giovani artisti si cimenteranno con la street-art dando vita a opere sul tema “Mobilità, passeggiando per le vie di Ardea”.

InformaComune 14 Ottobre 2021

CAREGIVER FAMILIARI. CREAZIONE DELL’ELENCO FORMALE

Con Deliberazione di Giunta Regionale n 341 del 08/06/2021 la Regione Lazio ha provveduto a riconoscere formalmente il ruolo e l’impegno di cura del “caregiver familiare” come componente informale ed essenziale del sistema dei servizi sociali, sociosanitari e sanitari in favore della persona con disabilità o non autosufficienza.

torna all'inizio del contenuto