Seguici su

Notizie

12 Maggio 2018

Raccolta abiti usati

contenitore raccolta abiti usatiIl Comune informa che è stata completata la sostituzione dei vecchi cassonetti per la raccolta degli abiti usati sull’intero territorio comunale a seguito di solleciti alla società Igiene Urbana.

Dopo più di due anni di raccolta non correttamente eseguita, convenzioni scadute e cassonetti rovinati, oggetto atti di vandalismo, inciviltà e utilizzi abusivi, la società Igiene Urbana ha stipulato una convenzione con HUMANA Italia che gestirà il servizio di raccolta abiti.

Nel caso in cui il contenitore risulti pieno è segno di civiltà non abbandonare il sacchetto a terra ma contattare HUMANA per l’intervento di svuotamento al n. 069145291 o alla mail roma@humanaitalia.org.

Al seguente link l’esatta collocazione dei contenitori per la raccolta degli olii e degli abiti usati:

https://www.google.com/maps/d/viewer?hl=en&mid=1nqxEyB-t_t9b0o9cgLq2MUHjRJ3tX5Uc&ll=41.61159539217285%2C12.518664487976139&z=11

Nei contenitori si può conferire:

  • abiti
  • scarpe e sandali
  • borse e zaini
  • accessori d’abbigliamento (cappelli, cinture in pelle, stoffa, plastica o cuoio, foulard, sciarpe, mantelle)
  • biancheria e tessuti per la casa.

Tutti i capi e i prodotti tessili devono essere inseriti in sacchetti ben chiusi.

Perché differenziare?

Principalmente per ridurre i rifiuti indifferenziati che vanno in discarica e bruciati, riducendo sia il costo per la comunità che l’inquinamento prodotto dagli impianti di incenerimento.

Infatti il recupero del tessuto è molto importante per l’ambiente. Il modello usa e getta dei nostri abiti provoca 1,2 miliardi di tonnellate annue di gas serra; un elevato consumo di acqua (il cotone per esempio richiede molta acqua per la coltivazione); il rilascio di microfibre di plastica nell’aria, soprattutto per gli indumenti in nylon, poliestere e acrilico e un altissimo consumo di energie non rinnovabili per la produzione. Per realizzare le sole fibre a base di plastica si impiegano 342 milioni di barili di petrolio ogni anno.

Purtroppo ad oggi l’87% degli abiti finisce in discarica, senza essere riciclato e si tratta dunque di un trend che a lungo andare avrà un impatto tremendo sull’ambiente.

Basti pensare che se riuscissimo a raddoppiare il numero delle volte in cui un capo si indossa grazie al riciclaggio dei tessuti, le emissioni di gas serra si ridurrebbero del 44% l’anno (fonte www.diarioromano.it).

Tale servizio, in ottemperanza della legge del 19/08/2016 n. 166 art. 14 ed in attesa della pubblicazione del nuovo bando che avverrà nelle prossime settimane, potrà apportare migliorie al servizio raccolta abiti usati.

Ultimi articoli

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

PARTITI I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE STRADALE A TOR SAN LORENZO E LIDO DEI PINI

Sono partiti i lavori di riqualificazione e rifacimento del manto stradale di importanti arterie come la porzione di lungomare che va da Tor San Lorenzo a Lido dei Pini (confine comunale) e di Via del Pettirosso e Viale Nuova California.

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

ARDEA-POMEZIA, NASCE IL CONSORZIO DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM 6.4

Parte la rivoluzione dei servizi socio-sanitari per i cittadini più fragili Nasce il Consorzio per la gestione degli interventi e dei servizi sociali del Distretto socio-sanitario RM 6.

Galleria prima pagina 14 Ottobre 2021

CONTEST “MOBILITARTE, PASSEGGIANDO PER LE VIE DI ARDEA”

Per continuare a parlare del tema della mobilità, il comune di Ardea ha organizzato un contest dal titolo “MobilitArte” in cui giovani artisti si cimenteranno con la street-art dando vita a opere sul tema “Mobilità, passeggiando per le vie di Ardea”.

InformaComune 14 Ottobre 2021

CAREGIVER FAMILIARI. CREAZIONE DELL’ELENCO FORMALE

Con Deliberazione di Giunta Regionale n 341 del 08/06/2021 la Regione Lazio ha provveduto a riconoscere formalmente il ruolo e l’impegno di cura del “caregiver familiare” come componente informale ed essenziale del sistema dei servizi sociali, sociosanitari e sanitari in favore della persona con disabilità o non autosufficienza.

torna all'inizio del contenuto